Grazie al contributo di:

novità agenda
Home Agenda appuntamenti

I piccoli musei narratori dei luoghi. Il Museo dell'arte arundiana

Locandina

L'Associazione Pro Loco di Filiano con il patrocinio del Comune di Filiano, Apt Basilicata Unpli Basilicata, promuove ed organizza il convegno "I piccoli musei narratori dei luoghi. Il Museo dell'arte arundiana di Franco Zaccagnino".

Il convegno si terrà domenica 14 gennaio 2018, alle ore 17:30, presso il Centro sociale "Prof. G. Lorusso" a Filiano.

 

PROGRAMMA

 

Saluti

Maria Santarsiero - Presidente Pro Loco di Filiano

Francesco Santoro - Sindaco di Filiano

 

Introduzione

Vito Sabia - Pro Loco di Filiano

 

Interventi

Franco Zaccagnino - Artista

Grazia Pastore - Critico d'arte

Aniello Ertico - Direttore Porta Coeli International Art Gallery

Aurelio Pace - Consigliere Regionale della Basilicata

 

Conclusioni

Marta Ragozzino - Direttore Polo Museale Regionale della Basilicata 

Il Museo d'Arte Arundiana

Visitare il museo dell’Arte Arundiana è un’immersione nel mondo della canna mediterranea.

All’interno di esso vi sono due percorsi: il percorso culturale di questo umile elemento che evidenzia gli utilizzi remoti che se ne facevano fino ai giorni nostri e il percorso artistico del Maestro F. Zaccagnino che, sulla base del precedente ampiamente vissuto, durante la sua infanzia, riscopre questa materia prima, se ne innamora e non la lascia più.
Sono visibili le prime opere, dove il Maestro sperimentava nelle sue composizioni tutto ciò che questo elemento, così versatile, poteva offrire. E’ visibile il suo lungo percorso artistico in cui la canna con la sua forma cilindrica, il suo nodino, la sua radice, le sue foglie si trasforma continuamente interpretando ogni tipo di realtà.

Insomma, il Maestro Zaccagnino con la sua arte Arundiana, che è un termine che ha coniato personalmente prendendo il nome scientifico della canna mediterranea, “arundo-inis”, ha creato una nuova forma espressiva unica al mondo in cui materia e forma, hanno lo stesso DNA. Egli riesce ad utilizzare proprio tutto della canna, ed essa lo accontenta permettendogli di esprimere al meglio la sua creatività.

Le opere presenti nel Museo sono quasi tutte delle sculture tridimensionali che ripercorrono le fasi più importanti e significative dell’artista nella sua continua e incontenibile evoluzione. Anche graficamente, ormai, il Maestro possiede la canna e la canna possiede il Maestro, ne sono un esempio le Arunde Lucane, carte da gioco lucane, miniature di 40 grafiche originali, ideate e realizzate per regalarle alla Basilicata, sua amata Terra: un connubio fatto di arte, storia, natura e gioco.

Nel museo, su richiesta, sarà possibile anche visitare una delle ultime opere del Maestro: “La Signora Arundiana”, che reinterpreta la Monnalisa di Leonardo da Vinci.

Visitare il museo nel piccolo borgo medioevale significa visitare il luogo di nascita dell’Arte Arundiana, significa percepire e respirare quella magica atmosfera che ha consentito al Maestro Franco Zaccagnino di conoscere a fondo la meravigliosa Arundo, cui egli dà lo spirito, nutrendosi del suo.

 

(tratto da http://www.comune.atella.pz.it/museo-arte-arundiana)

Foto