Grazie al contributo di:

novità agenda

2012 2018 acermontis affascinatura Agromonte alcol alzheimer amicizia anagrafe canina Angelo Raffaele Pace Aniello Ertico Anna Oxa Anna Rivelli Annamaria Corbo annessione anniversario ANSPI Antonio Bavusi antonio guastamacchia Antonio Salerno Antonio Saluzzi APT Basilicata archeologia area di sosta area picnic arte articolo ArtPerformance assemblea assessore Aurelio Pace autonomia comunale AVIS Filiano Banda Osiris banner Basilicata Basilicata Wiki bastoncini di carta befana beneficenza biblioteca bici bilancio biscotto borghi bosco brigantaggio bullismo caccia al tesoro caduti calcio calendario camper campo da tennis campo di calcetto campo scuola campo sportivo cani Cantariedd capitale carabinieri caravan Carmen Pafundi Carmen Salvatore Carmen Santarsiero Carmine Cianciarulo Carmine Crocco Carnevale celiachia cena cerimonia Chiesa S. Giuseppe chitarra cimitero Cine Foto Gruosso cipresso calvo commemorazione Comune di Filiano concorso fotografico concorso presepe consiglio comunale Consorzio Pro Loco Consorzio Pro Loco Marmo-Melandro-Basento-Camastra contributo ConTurBand convegno corso corso di dizione costituzione Crescenzia Lucia Cristina Greco Cristo morto CROB Rionero Croce Rossa Italiana cucia Cultura De Ruggieri decennale dialetto dieta Dino Rosa disabilità dislessia dizione Domenico Gruosso don Mariano Spera Donatantonio Martinelli Donatella Oppido Donato Imbrenda donne donne lucane Dragon Folk Dragonetti E...state a Filiano educazione micologica Elena Musci elezioni enogastronomia equitazione escursione escursionismo estate estate a filiano estate ragazzi estrazioni petrolifere etica Fabio Amendolara facebook favole favole a merenda Ferragosto Festa del Libro Festa della Donna Festa della Musica Festa Patronale Fiabe lucane Filiano Filiano Music Live fionda flash mob focaccia Fondazione Porta Coeli Fondazione Porta Coeli Forenza formaggio Forum C63 foto fotografia Francesco Cappiello Francesco Cioffredi Francesco D'Adamo Francesco Ranaldi Francesco Santoro Franco Sabia frittata fumetti fumetto funghi furcedda fustulutat Gesù Gianluca Lagrotta Gianni Rodari Ginestra giochi giochi tradizionali giornalismo d'inchiesta Giornata regionale Pro Loco giovani Giovanni Lettieri Giuseppe Lupo Giuseppe Nella Giuseppe Palumbo Giusi Macchia Gruosso Domenico GSLG handicap I Pisconi i tind'l il castello il ragno Illaria Moscardi importanza della vita internet Iscalunga Istituto Comprensivo Kaotic Souls karate l'arca la furmicula laboratorio creativo Lacerenza Domenico Lacerenza Mariantonietta Lagopesole latticini Lavello Lavieri edizioni leggi razziali lettura Lisa Romualdi logo Loredana Albano Lu Muzz'c lu panar lu prime muzz'c lu strumele lucanum Lucia Crescenzia Lucia Santarsiero Luciano Colucci Luisa Cherubini maiale mammella manovre di disostruzione Mara Sabia Maratea maratona Maria Ad Nives Coviello Maria S.S. del Rosario Maria Santarsiero Maria SS. del Belvedere Matera matera2019 Maurizio Picariello mazza a ppicule medioevo memoria menopausa mesolitico Michele Miglionico micologia mietitore Mirko Gisonte Monte Caruso Montescaglioso mostra di pittura mostra fotografica museo Museo Carpini Museo Civico Antiquarium Musica dal vivo musica popolare Natale natura neolitico Nicola Martinelli nonni notturno Nur ocra Officine Popolari Lucane OLA OPAC orchidea ordinanza organo a canne Padre Pio pala lignea palmenti Pancrazio Toscano Paola Nicolini Paola Russo parcheggio Parrocchia "Maria SS. del Rosario" Pasqua Pasquale Pace passeggiata Passione di Cristo pasta Patrizia Del Puente pecorino periodici petrolio picnic Pietro Dommarco Pignola Pino Gallo pisconi pittura pitture rupestri poema poesia Pompa Raffaele pranzo preistoria Premio UNPLI presentazione libro presepe presepe vivente prevenzione alcol Prima che tutto accadesse privacy Pro Loco Pro Loco Filiano pubblicazione pubblicità quadri plastici Quaresima quotidiani raccolta differenziata Raffaele Pellegrino rassegna stampa re chinghe prete religione Renato Ciavola restauro ricerca libri rinvio Rionero riparo ranaldi riserve antropologiche Roberto Cammarelle Rocco De Rosa Rocco Franciosa Rocco Mancuso Rocco Scotellaro Sagra salsiccia santuari saperebas Saveria Catena SBN Scala 40 Scalera scinnandíne scuola scuola dell'infanzia scuola primaria scuola secondaria Sebina segui le tracce Servizio Bibliotecario Nazionale servizio civile shoah sicurezza sindaco solidarietà Sorgente Imperatrice sorgenti Spacciaboschi sponsor sport staccia storia strazzata Tania Lacriola tarantolati telefono tendostruttura testimonianza Tex Willer tintle tiroide tombolata torneo di scopa Touring Club Italiano tozzamuro tradizioni tratturi trekking tressette tumore tumore alla mammella Tuppo dei Sassi turismo Unibas Unicef UNPLI Unpli Basilicata uova uovo Via Crucis via lucis video vino Vitalba Calcio Vito Bochicchio Vito Filippi Vito Sabia vivente volontari del soccorso Walter Carretta web Wiki Loves Basilicata Zétema zucchine zumba

Home Agenda appuntamenti

Mostra "Chi vuol vedere la mamma faccia un passo in avanti"

Locandina

In occasione della "Giornata della Memoria" del 27 Gennaio - istituita dal Parlamento italiano al fine di ricordare lo sterminio del popolo ebraico, le leggi razziali, nonchè coloro che si sono opposti al progetto di sterminio - anche quest'anno l'Associazione Pro Loco di Filiano ha promosso manifestazioni al fine di stimolare, soprattutto da parte dei giovani, la voglia di conoscere, di studiare ed approfondire la storia della Shoah e di promuovere la cultura del rispetto delle diversità.

Le iniziative, articolate in più giorni, sono promosse in collaborazione con l'Istituto comprensivo di Avigliano Frazioni-Filiano e la Biblioteca comunale di Filiano, e con il patrocinio del Comune di Filiano, della Regione Basilicata e del Comitato UNPLI Basilicata.

Il programma prevede un incontro dal titolo "Lacrime di storia": la Shoah e i bambini, la mostra Chi vuol vedere la mamma faccia un passo in avanti. I 20 bambini di Bullenhuser Damm, una carezza per la memoria, e alcune proiezioni di film sulla Shoah.

Mostra

Chi vuol vedere la mamma faccia un passo in avanti.

I 20 bambini di Bullenhuser Damm, una carezza  per la memoria

dal 21 gennaio al 2 febbraio

Centro sociale "Prof. G. Lorusso" - Filiano

 

La mostra ricorda 20 piccoli ebrei, provenienti da tutta Europa, deportati ad Auschwitz e da li ad Amburgo, per diventare cavie umane di esperimenti medici sulla tubercolosi.

Tra questi bambini ebrei uno era italiano, di Napoli, Sergio de Simone, di otto anni. A lui e' dedicata la copertina del libro di Maria Pia Bernicchia, edito da Proedi Editore che ha ispirato questa mostra.

La mostra è composta di 27 pannelli in formato 50x70.
 

Orario apertura al pubblico
Mattino: dalle ore 9:30 alle ore 12:30
Pomeriggio: dalle ore 16:00 alle ore 19:00

Il MASSACRO DI BULLENHUSER DAMM

I bambini ebrei appena giungevano nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau venivano sottoposti ad una selezione.

I soggetti in età pediatrica inferiore ai 15 anni venivano subito avviati verso le camere a gas per lo sterminio dopo essere stati crudelmente separati dai genitori. Nei lager molti furono i medici che condussero infami esperimenti sui bambini prigionieri.

Dal 1943 al 1945 i gemelli e i bambini con tratti somatici “nordici” venivano selezionati dall’ufficiale medico Josef Mengele per i suoi studi criminali dall’esito sempre letale.

Nel complesso di Auschwitz-Monowitz-Birkenau non vi furono limiti né sull’efferatezza degli interventi né sul numero di soggetti da sottoporre a sperimentazione.

Auschwitz era talmente fornito di “materiale umano” che si poteva “esportare” come avvenne per un gruppo di 20 bambini trasferiti a Neuengamme per essere sottoposti alle ricerche del medico nazista Kurt Heissmeyr che aspirava alla cattedra universitaria.

Costui aveva deciso di eseguire studi sulla tubercolosi servendosi di cavie umane certo che i suoi studi avrebbero potuto portare ad un rivoluzionario vaccino contro tale malattia.

I 20 bambini giunsero a Neuengamme il 29 novembre 1944. Heissmeyr diede inizio ai suoi esperimenti pseudomedici nel gennaio 1945.

Egli iniettava ai bambini il bacillo della tubercolosi e, una volta, che si erano ammalati, li sottoponeva senza anestesia all’asportazione delle linfoghiandole per analizzarle. Il 20 aprile l’esperimento era fallito ed i bambini erano stremati e malati.

Poiché gli inglesi erano alle porte giunse l’ordine alle SS di trasferirli nella scuola amburghese di Bullenhuser Damm e di eliminarli.

Un’ora prima di mezzanotte ebbe inizio lo sterminio.

Nello scantinato della scuola furono impiccati.

Tra questi innocenti c’era anche un bimbo di origine napoletana di 7 anni che si chiamava Sergio De Simone.

Poiché il suo scarso peso di bambino denutrito non favoriva la stretta del nodo scorsoio, le SS si appesero ai suoi piedi per accelerare lo strangolamento.

Quella stessa notte i cadaveri dei bambini da Bullenhuser Damm furono nuovamente trasferiti a Neuengamme per essere cremati.

Scarica la Locandina