Grazie al contributo di:

novità agenda

2012 2018 acermontis affascinatura Agromonte alcol alzheimer amicizia anagrafe canina Angelo Raffaele Pace Aniello Ertico Anna Oxa Anna Rivelli Annamaria Corbo annessione anniversario ANSPI Antonio Bavusi antonio guastamacchia Antonio Salerno Antonio Saluzzi archeologia area di sosta area picnic arte articolo ArtPerformance assemblea assessore Aurelio Pace autonomia comunale AVIS Filiano Banda Osiris banner Basilicata Basilicata Wiki bastoncini di carta befana beneficenza biblioteca bici bilancio biscotto borghi bosco brigantaggio bullismo caccia al tesoro caduti calcio calendario camper campo da tennis campo di calcetto campo scuola campo sportivo cani Cantariedd capitale carabinieri caravan Carmen Pafundi Carmen Salvatore Carmen Santarsiero Carmine Cianciarulo Carmine Crocco Carnevale celiachia cena cerimonia Chiesa S. Giuseppe chitarra cimitero Cine Foto Gruosso cipresso calvo commemorazione concorso fotografico concorso presepe consiglio comunale Consorzio Pro Loco contributo ConTurBand convegno corso corso di dizione costituzione Crescenzia Lucia Cristina Greco Cristo morto CROB Rionero Croce Rossa Italiana cucia Cultura De Ruggieri decennale dialetto dieta Dino Rosa disabilità dislessia dizione Domenico Gruosso don Mariano Spera Donatantonio Martinelli Donatella Oppido Donato Imbrenda donne lucane Dragon Folk Dragonetti E...state a Filiano educazione micologica Elena Musci elezioni enogastronomia equitazione escursione escursionismo estate estate a filiano estate ragazzi estrazioni petrolifere etica Fabio Amendolara facebook favole favole a merenda Ferragosto Festa del Libro Festa della Donna Festa della Musica Festa Patronale Fiabe lucane Filiano Filiano Music Live fionda flash mob focaccia Fondazione Porta Coeli Fondazione Porta Coeli Forenza formaggio Forum C63 foto fotografia Francesco Cappiello Francesco Cioffredi Francesco D'Adamo Francesco Ranaldi Francesco Santoro Franco Sabia frittata fumetti fumetto funghi furcedda fustulutat Gesù Gianluca Lagrotta Gianni Rodari Ginestra giochi giochi tradizionali giornalismo d'inchiesta Giornata regionale Pro Loco giovani Giovanni Lettieri Giuseppe Lupo Giuseppe Nella Giuseppe Palumbo Giusi Macchia Gruosso Domenico GSLG handicap I Pisconi i tind'l il castello il ragno Illaria Moscardi importanza della vita internet Iscalunga Istituto Comprensivo Kaotic Souls karate l'arca la furmicula laboratorio creativo Lacerenza Domenico Lacerenza Mariantonietta Lagopesole latticini Lavello Lavieri edizioni leggi razziali lettura Lisa Romualdi logo Loredana Albano Lu Muzz'c lu panar lu prime muzz'c lu strumele lucanum Lucia Crescenzia Lucia Santarsiero Luciano Colucci Luisa Cherubini maiale mammella manovre di disostruzione Mara Sabia Maratea maratona Maria Ad Nives Coviello Maria S.S. del Rosario Maria Santarsiero Maria SS. del Belvedere Matera matera2019 Maurizio Picariello mazza a ppicule medioevo menopausa mesolitico Michele Miglionico micologia mietitore Mirko Gisonte Monte Caruso Montescaglioso mostra di pittura mostra fotografica museo Museo Carpini Museo Civico Antiquarium Musica dal vivo musica popolare Natale natura neolitico Nicola Martinelli nonni Nur ocra Officine Popolari Lucane OLA OPAC orchidea ordinanza organo a canne Padre Pio pala lignea palmenti Pancrazio Toscano Paola Nicolini Paola Russo parcheggio Parrocchia "Maria SS. del Rosario" Pasqua Pasquale Pace passeggiata Passione di Cristo pasta Patrizia Del Puente pecorino periodici petrolio picnic Pietro Dommarco Pino Gallo pisconi pittura pitture rupestri poema poesia Pompa Raffaele pranzo preistoria Premio UNPLI presentazione libro presepe presepe vivente prevenzione alcol Prima che tutto accadesse privacy Pro Loco Pro Loco Filiano pubblicazione pubblicità quadri plastici Quaresima quotidiani raccolta differenziata Raffaele Pellegrino rassegna stampa re chinghe prete religione Renato Ciavola restauro ricerca libri rinvio Rionero riparo ranaldi riserve antropologiche Roberto Cammarelle Rocco De Rosa Rocco Franciosa Rocco Mancuso Rocco Scotellaro Sagra salsiccia santuari saperebas SBN Scala 40 Scalera scinnandíne scuola scuola dell'infanzia scuola primaria scuola secondaria Sebina segui le tracce Servizio Bibliotecario Nazionale servizio civile shoah sicurezza sindaco solidarietà Sorgente Imperatrice sorgenti Spacciaboschi sponsor sport staccia storia strazzata Tania Lacriola tarantolati telefono tendostruttura testimonianza Tex Willer tintle tiroide tombolata torneo di scopa Touring Club Italiano tozzamuro tradizioni tratturi trekking tressette tumore tumore alla mammella Tuppo dei Sassi turismo Unibas Unicef UNPLI Unpli Basilicata uova uovo Via Crucis via lucis vino Vitalba Calcio Vito Bochicchio Vito Filippi Vito Sabia vivente volontari del soccorso Walter Carretta web Wiki Loves Basilicata Zétema zucchine zumba

Home Filiano Luoghi di interesse Pitture rupestri

Francesco Ranaldi. L'archeologo della preistoria lucana

Ricordare Francesco, "Ninì", Ranaldi è un po' come ripercorrere la storia della ricerca archeologica in Basilicata: un lavoro fatto in gran parte con il cuore e con le gambe, oltre che con il ragionamento. Ancora oggi, individuare in certe zone della regione siti archeologici nascosti è più una questione di intuizione e di polmoni che di tecnologia, nonostante tutti mezzi messi a disposizione dalla tecnica moderna.

Francesco lavorava immergendosi completamente per giorni nei suoi monti, nelle forre, in mezzo alla vegetazione, a contatto con una aspra e bella natura, dove la passione per l'antico si mischiava con il suo essere artista e poeta. È difficile non farsi trasportare dalle emozioni ricordando un ricercatore e un amico, che dei sentimenti aveva fatto una ragione di vita.

Quando, in un agosto dei primi anni '70, ancora studente mi trovavo ad attendere il direttore del Museo archeologico provinciale di Potenza con il quale avevo appuntamento a Castel Lagopesole, mi guardavo attorno cercando un'auto blu con dentro un accaldato accademico.

Non vedendo nessuno che potesse somigliargli, mi rivolsi ad un signore coi baffi con un vistoso fazzoletto rosso al collo. Per il suo abbigliamento informale, simile al mio, i suoi stivali in pelle e gli abiti militari, mi attirava più degli altri. Spiegai cosa stessi facendo domandandogli se avesse notato qualcuno in attesa o un automezzo dell'Amministrazione provinciale. Ridacchiando mi svelò chi fosse. Non fu necessaria una grande intuizione per capire che avevo davanti una persona speciale. Generoso, permaloso, sognatore, irascibile, curioso, acuto, allegro ma spesso pensieroso, ansioso di conoscere e di mettere a disposizione le proprie conoscenze e di confrontarle; tanto modesto e fiducioso da affidare nelle mani di altri le proprie scoperte e soprattutto quella più grande di "Tuppo dei Sassi".

Quelle splendide pitture ed il sottostante insediamento, che costituiscono un importante riferimento della preistoria italiana, oggi giustamente portano il suo nome, "Riparo Ranaldi", a ricordo della intuizione e tenacia con cui ha sempre sostenuto la presenza di un insediamento umano nel sedimento sottostante alle pitture.

Francesco Ranaldi, archeologo

Nel settembre del 1966 la notizia del ritrovamento in agro di Filiano di pitture rupestri venne riportata sul London News. Tali pitture, in un riparo sotto la roccia, costituiscono per il tipo di scena, la disposizione delle figure e l'introduzione di vari soggetti una manifestazione di arte rupestre, rara in Italia. Gli scavi diretti dal Borzatti hanno riportato alla luce nel terreno sottostante un insediamento preistorico, associabile forse alle stesse pitture. Negli anni '70, nella stessa zona avvenne il ritrovamento di una serie di incisioni su roccia, sovrastante il riparo che accoglie le pitture databili alla fase finale del paleolitico.

Non fu soltanto questa la sua unica scoperta. Si possono citare altri siti archeologici, da lui scoperti e studiati, tra cui Serra di Vaglio. La scoperta, che risale al 1958, era di per sé importante per il ritrovamento e per la conoscenza delle fasi di dimorazione e, dunque, di vita e spiritualità antica, sui monti della parte più interna della provincia, prima del IV sec. a.C..

Sono da citare, inoltre, i siti archeologici di Pietragalla, Monte la Guardia, Brindisi di Montagna, Baragiano, Muro Lucano e Pescopagano. In particolare si possono menzionare gli insediamenti di Monte Moltrone, in agro di Oppido dove sono emersi i resti di un vasto insediamento risalente ad un periodo che va della prima Età del Ferro al II sec. a.C., ed un'interessante necropoli del IV-V sec. a.C.. Da segnalare è anche il recupero di uno dei frammenti mancanti delle famose Tavole bronzee cosiddette "Bantine" rinvenute già nel 1798.A contrada Carpine, in agro di Cancellara, scoprì una necropoli (la prima ritrovata intatta nel potentino) con tombe a fossa semplice, databile tra la fine del VI, inizio del V sec. a.C..Tra quel ricco corredo funebre venne individuata una classe di ceramiche a motivo geometrico, la cui sintassi decorativa richiama, stranamente, motivi presenti su manufatti dell'ultimo miceneo.Nello Stretto di Albano di Lucania individuò nel 1985 un monolite rappresentante probabilmente una enigmatica e grande effigie che sembra figurare un gigantesco volto, la cui interpretazione risulta ancora oggi controversa.

Pur in presenza di pochi e sporadici ritrovamenti preistorici, intuì la grande importanza, richiedendo l'intervento dell'Università di Firenze e battendosi perché le ricerche ottenessero finanziamenti da parte dell'Amministrazione provinciale di Potenza. In tal modo gettò le basi per quel lavoro di enorme rilievo scientifico che il gruppo di ricerca dell'Ateneo fiorentino sta compiendo oggi, nel bacino di Atella, di fondamentale importanza per lo studio della preistoria italiana.

A Francesco Ranaldi e ai suoi collaboratori si deve, inoltre, il primo allestimento della nuova sede del Museo archeologico provinciale realizzato nei pressi della vecchia sede museale.

Di lui amo ricordare la passione e la costante presenza che andavano ben oltre il senso del dovere; l'entusiasmo e l'amore che dedicava alla raccolta, alla cura e sistemazione di ogni piccolo reperto e, soprattutto, il suo rapporto informale e quasi paterno con i collaboratori, tanto da dare l'impressione che, in quella struttura museale, il rapporto umano fosse i l motore più forte per il suo funzionamento. In ciò si misura anche la valenza dell'uomo.

(tratto da BASILICATA REGIONE Notizie, 1996)