Grazie al contributo di:

novità agenda

2012 2018 acermontis affascinatura Agromonte alcol alzheimer amicizia anagrafe canina Angelo Raffaele Pace Anna Oxa Anna Rivelli Annamaria Corbo annessione anniversario ANSPI Antonio Bavusi antonio guastamacchia Antonio Salerno Antonio Saluzzi archeologia area di sosta area picnic arte articolo ArtPerformance assemblea assessore Aurelio Pace autonomia comunale AVIS Filiano Banda Osiris banner Basilicata bastoncini di carta befana beneficenza biblioteca bici biscotto bosco brigantaggio bullismo caccia al tesoro caduti calcio calendario camper campo da tennis campo di calcetto campo scuola campo sportivo cani Cantariedd capitale carabinieri caravan Carmen Pafundi Carmen Santarsiero Carmine Cianciarulo Carmine Crocco Carmine Maio Carnevale celiachia cena cerimonia Chiesa S. Giuseppe chitarra cimitero Cine Foto Gruosso commemorazione concorso fotografico concorso presepe consiglio comunale Consorzio Pro Loco contributo ConTurBand convegno corso corso di dizione costituzione Crescenzia Lucia Cristina Greco Cristo morto CROB Rionero Croce Rossa Italiana cucia cultura De Ruggieri decennale dialetto dieta Dino Rosa disabilità dislessia dizione Domenico Gruosso don Mariano Spera donatantonio martinelli Donatella Oppido Donato Imbrenda donne lucane Dragon Folk Dragonetti E...state a Filiano educazione micologica Elena Musci elezioni enogastronomia equitazione escursione escursionismo estate estate a filiano estate ragazzi estrazioni petrolifere etica Fabio Amendolara facebook favole favole a merenda Ferragosto Festa del Libro Festa della Donna Festa Patronale Fiabe lucane Filiano Filiano Music Live fionda flash mob focaccia Forenza formaggio Forum C63 foto fotografia Francesco Cappiello Francesco Cioffredi Francesco D'Adamo Francesco Ranaldi francesco santoro Franco Sabia frittata fumetti fumetto funghi furcedda fustulutat Gesù Gianluca Lagrotta Ginestra giochi giochi tradizionali giornalismo d'inchiesta Giornata regionale Pro Loco giovani Giuseppe Lupo Giuseppe Nella Giuseppe Palumbo Giusi Macchia Gruosso Domenico GSLG handicap I Pisconi i tind'l il castello il ragno importanza della vita internet Iscalunga Istituto Comprensivo Kaotic Souls karate l'arca la furmicula laboratorio creativo Lacerenza Domenico Lacerenza Mariantonietta Lagopesole latticini Lavello Lavieri edizioni leggi razziali lettura Lisa Romualdi logo Lu Muzz'c lu panar lu prime muzz'c lu strumele lucanum lucia crescenzia Lucia Santarsiero Luciano Colucci Luisa Cherubini maiale mammella manovre di disostruzione Mara Sabia maratona Maria Ad Nives Coviello Maria S.S. del Rosario Maria Santarsiero Maria SS. del Belvedere Matera matera2019 Maurizio Picariello mazza a ppicule medioevo menopausa mesolitico micologia mietitore Monte Caruso montescaglioso mostra di pittura mostra fotografica Museo Carpini Museo Civico Antiquarium Musica dal vivo musica popolare Natale natura neolitico Nicola Martinelli nonni Nur ocra Officine Popolari Lucane OLA OPAC ordinanza organo a canne Padre Pio pala lignea palmenti Pancrazio Toscano Paola Nicolini Paola Russo parcheggio Parrocchia "Maria SS. del Rosario" Pasqua Pasquale Pace passeggiata Passione di Cristo pasta pecorino periodici petrolio picnic Pietro Dommarco Pino Gallo pisconi pitture rupestri poema poesia Pompa Raffaele pranzo preistoria Premio UNPLI presentazione libro presepe presepe vivente prevenzione alcol Prima che tutto accadesse privacy Pro Loco Pro Loco Filiano pubblicazione pubblicità quadri plastici quaresima quotidiani raccolta differenziata Raffaele Pellegrino rassegna stampa re chinghe prete religione Renato Ciavola restauro ricerca libri rinvio Rionero riparo ranaldi riserve antropologiche Roberto Cammarelle Rocco De Rosa Rocco Franciosa Rocco Mancuso Rocco Scotellaro Sagra salsiccia santuari saperebas SBN Scala 40 Scalera scinnandíne scuola scuola dell'infanzia scuola primaria scuola secondaria Sebina segui le tracce Servizio Bibliotecario Nazionale servizio civile shoah sicurezza sindaco solidarietà Sorgente Imperatrice sorgenti Spacciaboschi sponsor sport staccia storia strazzata Tania Lacriola tarantolati telefono tendostruttura testimonianza Tex Willer tintle tiroide tombolata torneo di scopa Touring Club Italiano tozzamuro tradizioni tratturi trekking tressette tumore tumore alla mammella Tuppo dei Sassi turismo UNPLI Unpli Basilicata uova uovo Via Crucis via lucis vice sindaco vino Vitalba Calcio Vito Bochicchio Vito Filippi Vito Sabia vivente volontari del soccorso Walter Carretta web Zétema zucchine zumba

Home Filiano Storia Autonomia Comunale di Filiano

Autonomia Comunale di Filiano. Ricordi

Angelo Raffaele Pace, Presidente del Comitato Promotore per l’autonomia comunale

Angelo Raffaele Pace, Presidente del Comitato Promotore per l’autonomia comunale.

Riportiamo la testimonianza di Angelo Raffaele Pace, promotore dell'autonomia comunale di Filiano.

Filiano nel dopoguerra

Le condizioni di Filiano nel 1945 erano prevalentemente agricole. I contadini si industriavano con un più o meno numeroso pollaio, qualche maiale, la pecora, la capra, alcuni avevano anche pochi conigli. Ognuno cercava di essere autosufficiente per riuscire a vivere onestamente e a badare alla propria famiglia spesso numerosa. Quasi tutti avevano anche un cane ed un mulo o un asino, un cavallo e alcuni anche un traino, per assolvere meglio i loro impegni.
Non tutti erano proprietari dell'appezzamento di terreno che coltivavano. Molti erano affittuari o mezzadri. Non tutti possedevano una casa propria. Le abitazioni erano assai modeste per spazio e comodità. La maggioranza non aveva acqua corrente in casa, né tutti il gabinetto. Alcuni erano semplicemente operai che vivevano alla giornata, andando ad aiutare chi li chiamava.
Due erano i mulini elettrici e due i forni a legna. C'erano artigiani, calzolai, falegnami, muratori, fabbri, sarti, barbieri e commercianti con bazar, ossia venditori con un pò di tutto, persino con caffè, osteria e albergo. C'era l'ufficio postale con due impiegati; il prete, ma faceva parte della parrocchia di Avigliano. Vi erano quattro maestri in Filiano e una decina distribuiti fra Scalera, Dragonetti, Sterpito e Montecaruso.
A Filiano c'era l'Ufficio di Stato Civile per la registrazione delle nascite e morti. Mancava la farmacia, mentre il medico risiedeva a Filiano e, a piedi o su di un quadrupede del paziente, andava a visitarlo a Scalera, o Sterpito, o Montecaruso o altrove, con tutte le conseguenze del disagiato viaggio e del tempo che si impiegava.
Le uniche strade carrozzabili esistenti nel territorio e che consentivano l'auto erano per Filiano, Inforchia, Dragonetti, Vaccaro. Tutte le altre borgate ne erano prive. Per questo era inutile un'auto al medico. L'unico mezzo, quindi, nel futuro comune era il quadrupede e, per andare fuori, c'era il treno che bisognava raggiungere a Sarnelli con un'auto che tutte le mattine, alle sei, partiva da Filiano e tornava alle otto; nel pomeriggio tornava alla stazione a prelevare i viaggiatori al rientro da Avigliano, da Potenza o da Rionero, perché in genere quelle erano le mete quotidiane dei filianesi, che andavano al Municipio per certificati o perché chiamati per chiarimenti magari all'esattoria o alla Pretura o agli uffici provinciali, alla farmacia o per visite mediche specialistiche e spese in genere.
Il disagio per raggiungere Avigliano, comunque in non meno di due o tre ore, si faceva più grande quando, per economia o fretta eccessiva, vi si andava a piedi valicando il Monte Caruso e attraversando il bosco, specialmente se si incappava in una pioggia o bufera invernale.
Quanto squallore... visto a distanza di tanti anni!
E dire che ad Avigliano, sino ad alcuni decenni prima, bisognava portare anche i morti, perchè a Filiano non c'era nemmeno il cimitero. Ricordo che mio padre mi raccontava delle battaglie che alcuni volenterosi cittadini avevano condotto, presso la Prefettura di Potenza, per ottenerlo.
Vigeva una sorta di rassegnazione al tenore di vita che in genere menavano tutti i cittadini: lavoratori accaniti che si accontentavano di poco per vivere onestamente. Ancora imperava l'analfabetismo. In Filiano centro si vendevano forse in media cinque copie di quotidiani al dì e non più di altrettante "Domenica del Corriere" alla settimana. Alquanto diffuse erano le radio. Non vi erano diversivi oltre i due bar-cantine che divenivano luoghi di incontro a sera per un paio d'ore, specialmente il sabato e la domenica anche di mattina.
Nei giorni di festa c'era un movimento insolito perché affluivano in molti da tutti sobborghi portandosi anche il cavallo, il mulo o l'asino, quasi sempre seguiti da un cane, spesso un buon pastore dal collo fasciato di piastrine metalliche e chiodi per difenderlo dai lupi che ogni tanto assalivano le greggi.
Il sabato era affollato il barbiere perché l'indomani gli uomini dovevano presentarsi a festa per corteggiare o "vedere" solamente qualche fanciulla che andava a messa e attenderla all'uscita, quando anch'ella faceva mostra del suo bel viso roseo, intrattenendosi un poco in piazza a conversare con qualche amica che non vedeva da una settimana.
Ricordo che allora la piazza SS. Rosario e la piazza Fontana (oggi Vito Reale) erano luoghi di incontro alquanto affollati. Le conversazioni dei concittadini riflettevano sempre i lavori fatti o da farsi, l'esperienza dei “concimi” che vendeva il consorzio agrario, l'opportunità della rotazione nella coltura dei campi, la ricerca da parte dei giovani di un posto in ferrovia, o come carabiniere, o agente di custodia, comunque di un lavoro più redditizio che, insomma, garantisse una vita più umana. Questo desiderio di miglioramento era dovuto anche ai reduci dalla guerra cui avevano partecipato in tanti, che avevano notato la diversità di vita nel Nord Italia, in Francia, Inghilterra o Germania dove erano capitati per le varie vicissitudini militari. Tanto che i reduci sentivano il bisogno di incontrarsi e mi sollecitarono a costituire una sezione di ex combattenti e reduci, appunto per uno scambio di idee e progetti, per informarsi se e quali provvedimenti adottasse il governo a loro favore. Naturalmente essi sapevano che io, quale ex ufficiale dell'esercito, fossi meglio informato e adatto a dare suggerimenti circa il da farsi. Eravamo tutti pieni di speranze e ancora incerti sulle nostre scelte future, essendo più o meno squattrinati e desiderosi di non essere costretti ad emigrare.
Personalmente avevo in serbo la proposta fattami a Parma dal generale Mario Roveda, il quale mi esortava a tornare a Parma per passare, col grado di tenente, nella polizia che si stava per ampliare o rinforzare. Ma ero molto titubante nel decidermi ad abbandonare di nuovo gli affetti familiari ed intraprendere ancora... un'avventura. Forse dovevo decidermi a fare il maestro, o tentare la via della previdenza sociale presso la quale allora pareva assumessero impiegati.
Tanti tentavano comunque l'esperienza di un posto fisso, tranquillo, o si adattavano alla misera vita campagnola e di artigianato. Nessuno dei miei colleghi maestri pensava di allontanarsi.
Ad ottobre 1945 ebbi l'incarico annuale di insegnante a Filiano. Quindi ero quasi deciso a rimanere, salvo eventuali nuove prospettive che non mi avessero però allontanato dall'affetto dei miei cari familiari, genitori, fratelli, nipoti.