Grazie al contributo di:

novità agenda

2012 2018 acermontis affascinatura Agromonte alcol alzheimer amicizia anagrafe canina Angelo Raffaele Pace Anna Oxa Anna Rivelli Annamaria Corbo annessione anniversario ANSPI Antonio Bavusi antonio guastamacchia Antonio Salerno Antonio Saluzzi archeologia area di sosta area picnic arte articolo ArtPerformance assemblea assessore Aurelio Pace autonomia comunale AVIS Filiano Banda Osiris banner Basilicata bastoncini di carta befana beneficenza biblioteca bici biscotto bosco brigantaggio bullismo caccia al tesoro caduti calcio calendario camper campo da tennis campo di calcetto campo scuola campo sportivo cani Cantariedd capitale carabinieri caravan Carmen Pafundi Carmen Santarsiero Carmine Cianciarulo Carmine Crocco Carmine Maio Carnevale celiachia cena cerimonia Chiesa S. Giuseppe chitarra cimitero Cine Foto Gruosso commemorazione concorso fotografico concorso presepe consiglio comunale Consorzio Pro Loco contributo ConTurBand convegno corso corso di dizione costituzione Crescenzia Lucia Cristina Greco Cristo morto CROB Rionero Croce Rossa Italiana cucia cultura De Ruggieri decennale dialetto dieta Dino Rosa disabilità dislessia dizione Domenico Gruosso don Mariano Spera donatantonio martinelli Donato Imbrenda donne lucane Dragon Folk Dragonetti E...state a Filiano educazione micologica Elena Musci elezioni enogastronomia equitazione escursione escursionismo estate estate a filiano estate ragazzi estrazioni petrolifere etica Fabio Amendolara facebook favole favole a merenda Ferragosto Festa del Libro Festa della Donna Festa Patronale Fiabe lucane Filiano Filiano Music Live fionda flash mob focaccia Forenza formaggio Forum C63 foto fotografia Francesco Cappiello Francesco Cioffredi Francesco D'Adamo Francesco Ranaldi francesco santoro Franco Sabia frittata fumetti fumetto funghi furcedda fustulutat Gesù Gianluca Lagrotta Ginestra giochi giochi tradizionali giornalismo d'inchiesta Giornata regionale Pro Loco giovani Giuseppe Lupo Giuseppe Nella Giuseppe Palumbo Giusi Macchia Gruosso Domenico GSLG handicap I Pisconi i tind'l il castello il ragno importanza della vita internet Iscalunga Istituto Comprensivo Kaotic Souls karate l'arca la furmicula laboratorio creativo Lacerenza Domenico Lacerenza Mariantonietta Lagopesole latticini Lavieri edizioni leggi razziali Lisa Romualdi logo Lu Muzz'c lu panar lu prime muzz'c lu strumele lucanum lucia crescenzia Lucia Santarsiero Luciano Colucci Luisa Cherubini maiale mammella manovre di disostruzione Mara Sabia maratona Maria Ad Nives Coviello Maria S.S. del Rosario Maria Santarsiero Maria SS. del Belvedere Matera matera2019 Maurizio Picariello mazza a ppicule medioevo menopausa mesolitico micologia mietitore Monte Caruso montescaglioso mostra di pittura mostra fotografica Musica dal vivo musica popolare Natale natura neolitico Nicola Martinelli nonni Nur ocra Officine Popolari Lucane OLA OPAC ordinanza organo a canne Padre Pio pala lignea palmenti Pancrazio Toscano Paola Nicolini Paola Russo parcheggio Parrocchia "Maria SS. del Rosario" Pasqua Pasquale Pace passeggiata Passione di Cristo pasta pecorino periodici petrolio picnic Pietro Dommarco Pino Gallo pisconi pitture rupestri poema poesia Pompa Raffaele pranzo preistoria Premio UNPLI presentazione libro presepe presepe vivente prevenzione alcol Prima che tutto accadesse privacy Pro Loco Pro Loco Filiano pubblicazione pubblicità quadri plastici quaresima quotidiani raccolta differenziata Raffaele Pellegrino rassegna stampa re chinghe prete religione Renato Ciavola restauro ricerca libri rinvio Rionero riparo ranaldi riserve antropologiche Roberto Cammarelle Rocco De Rosa Rocco Franciosa Rocco Mancuso Rocco Scotellaro Sagra salsiccia santuari saperebas SBN Scala 40 Scalera scinnandíne scuola scuola dell'infanzia scuola primaria scuola secondaria Sebina segui le tracce Servizio Bibliotecario Nazionale servizio civile shoah sicurezza sindaco solidarietà Sorgente Imperatrice sorgenti Spacciaboschi sponsor sport staccia storia strazzata Tania Lacriola tarantolati telefono tendostruttura testimonianza Tex Willer tintle tiroide tombolata torneo di scopa tozzamuro tradizioni tratturi trekking tressette tumore tumore alla mammella Tuppo dei Sassi turismo UNPLI Unpli Basilicata uova uovo Via Crucis via lucis vice sindaco vino Vitalba Calcio Vito Bochicchio Vito Filippi Vito Sabia vivente volontari del soccorso Walter Carretta web Zétema zucchine zumba

Home Filiano Tradizioni

Le credenze popolari

Credenze, superstizioni e riti fanno parte della nostra civiltà contadina di un recente passato, e sono ancora nella memoria dei nostri nonni.
In questa sezione proponiamo le più diffuse credene, di cui alcune ancora in "uso". 

Non bisognava mai disporsi con le braccia a croce sulla soglia d'ingresso della propria abitazione perchè l'atto era ritenuto malaugurante. 

Non bisognava mai contare le monete sul palmo della mano, in quanto si riteneva che la persona avrebbe vissuto tanti anni quanti erano i soldi contanti. 

Rovesciare il vino sulla tavola era ritenuto apportatore di buon auspicio, al contrario rompere il contenitore dell'olio era ritenuto apportatore di disgrazie. 

Allo scopo di evitare il mal di testa per tutto l'anno si usava tagliare i capelli il primo venerdì di marzo. Spesso, però, invece del taglio completo si usava tagliare quattro piccole ciocche di capelli simulando. 

Non bisognava mai tagliare le unghie dei neonati nei giorni di festa in quanto avrebbe potuto imporre un diverso corso di vita. Il primo taglio delle unghie doveva essere fatto da persona estranea e di condizione socio-economica superiore rispetto a quella dei genitori, ciò allo scopo di auspicare al bambino una migliore condizione. 

Una volta se si riteneva che una persona avesse "i papple" (vermi) si recitava una formula particolare ritenendo che così facendo "i papple" scomparissero:
Papple une, papple ruje, papple tre,
papple quattro, papple cinque, papple sei,
papple sette, papple otto, e papple nove,
schatta vierme ra lu core.
Nu Patre nostre a la Santissime Trinità. 

Alla nascita del bambino, gli attaccavano al braccio una trina nera e sotto il cuscino, o tra le fasce, mettevano "l'abetina". Era un sacchetto tutto cucito, con dentro tre teste di chiodi della prima ferratura di un asino, tre chicchi di grano, tre granelli di sale, tre foglie d'erba del "malevento", immaginette di santini vari. Alcune persone lo portavano e ancora oggi portano al collo per tutta la vita. 

Quando il neonato era raffreddato, per farlo guarire la mamma faceva cadere qualche goccia del suo latte sul naso o sugli occhi del bambino. 

"U munaciell" era uno spiritello benigno che si divertiva a fare scherzi alla gente. Infastidiva le persone andandosi a sedere sulla pancia mentre dormivano, oppure tirando le coperte dal letto, oppure nascondendo indumenti e oggetti. Vestiva con un vistoso cappuccio rosso in cui risiedeva il suo potere: se qualcuno riusciva a strapparglielo poteva avere in cambio dal monaciello qualsiasi cosa. Quando qualcuno, improvvisamente, cambiava tenore di vita, si diceva che "aveva acchiappato u' munaciell". 

Un'usanza popolare, ancora oggi praticata per lo più da persone anziane, è quella di sottoporre chi è colpito da un improvviso e inspiegabile mal di testa ad un rito (cresce) per allontanare il dolore. Una delle formule usate in questa pratica è la seguente: 
"ruje uocchie mane pigliate
tre nocchie mana lasse
a nome ri la Santissima Trinitate". 

Per proteggere la casa delle streghe si usava mettere in casa dietro la porta, qualche oggetto che avesse il potere di "far perdere tempo" alla strega, così che, fatto giorno, essa era costretta a scappare. Per esempio, si metteva una scopa dietro la porta perchè si riteneva che, la strega non poteva procedere oltre se prima non avesse contato, ad uno ad uno, i fili di saggina della scopa. 

Durante i temporali i contadini usavano mettere fuori di casa la catena, l'ascia, i parafuochi ed altri oggetti metallici credendo che così facendo il temporale finisse evitando danni alle culture. 

Si usava, nel caso una persona avesse preso un grosso spavento (lu scquande) prendere un bicchiere di vino, arroventare un oggetto metallico (in genere un cucchiaio o una forchetta) e immergere nel vino per tre volte l'oggetto stesso arroventandolo di volta in volta; si faceva bere, quindi, il vino a piccoli sorsi. 

Quando una persona appoggiava il pane alla rovescia si diceva che "sciarra lu furnare" ed era segno di non apprezzare il pane e disprezzare il fornaio al quale in questo modo gli si procurava il mal di pancia. 

Una volta veniva usato come amuleto "lu curnuciedde". Questo oggetto era un corno di dimensioni variabili e di materiali diversi dipinto di rosso e veniva posto in casa dietro le porte o portato addosso. In entrambi i casi era un portafortuna. 

Credendo che una persona potesse aver subito "un'affascinatura" da qualche fattucchiera si usava recitare questa formula:
"So tre pirsune ca tanne affascinate
e tre pirsune ca te volene salvate;
lu Patre, lu Figliule e lu Spirite Sante,
ti volene luà tutte stu male ri cape.
Ra nduppe lu pigliate
e nderra lu schattate.
Nu Patre nostre a la Santissime Trinità
ca te volene luà tutte stu male ri cape".