Grazie al contributo di:

novità agenda

2012 2018 acermontis affascinatura Agromonte alcol alzheimer amicizia anagrafe canina Angelo Raffaele Pace Anna Oxa Anna Rivelli Annamaria Corbo annessione anniversario ANSPI Antonio Bavusi antonio guastamacchia Antonio Salerno Antonio Saluzzi archeologia area di sosta area picnic arte articolo ArtPerformance assemblea assessore Aurelio Pace autonomia comunale AVIS Filiano Banda Osiris banner Basilicata bastoncini di carta befana beneficenza bici biscotto bosco brigantaggio bullismo caccia al tesoro caduti calcio calendario camper campo da tennis campo di calcetto campo scuola campo sportivo cani Cantariedd capitale carabinieri caravan Carmen Pafundi Carmen Santarsiero Carmine Cianciarulo Carmine Crocco Carmine Maio Carnevale celiachia cena cerimonia Chiesa S. Giuseppe chitarra cimitero Cine Foto Gruosso commemorazione concorso fotografico concorso presepe consiglio comunale contributo ConTurBand convegno corso corso di dizione costituzione Crescenzia Lucia Cristina Greco Cristo morto CROB Rionero Croce Rossa Italiana cucia cultura De Ruggieri decennale dialetto dieta Dino Rosa disabilità dislessia dizione Domenico Gruosso don Mariano Spera donatantonio martinelli Donato Imbrenda donne lucane Dragon Folk Dragonetti E...state a Filiano educazione micologica Elena Musci elezioni enogastronomia equitazione escursione escursionismo estate estate a filiano estate ragazzi estrazioni petrolifere etica Fabio Amendolara facebook favole favole a merenda Ferragosto Festa del Libro Festa della Donna Festa Patronale Fiabe lucane Filiano Filiano Music Live fionda flash mob focaccia Forenza formaggio Forum C63 foto fotografia Francesco Cappiello Francesco Cioffredi Francesco D'Adamo Francesco Ranaldi francesco santoro Franco Sabia frittata fumetti fumetto funghi furcedda fustulutat Gesù Gianluca Lagrotta Ginestra giochi giochi tradizionali giornalismo d'inchiesta Giornata regionale Pro Loco giovani Giuseppe Lupo Giuseppe Nella Giuseppe Palumbo Giusi Macchia Gruosso Domenico GSLG handicap I Pisconi i tind'l il castello il ragno importanza della vita internet Iscalunga Istituto Comprensivo Kaotic Souls karate l'arca la furmicula laboratorio creativo Lacerenza Domenico Lacerenza Mariantonietta Lagopesole latticini Lavieri edizioni leggi razziali Lisa Romualdi logo Lu Muzz'c lu panar lu prime muzz'c lu strumele lucia crescenzia Lucia Santarsiero Luciano Colucci Luisa Cherubini maiale mammella manovre di disostruzione Mara Sabia maratona Maria Ad Nives Coviello Maria S.S. del Rosario Maria SS. del Belvedere Matera matera2019 Maurizio Picariello mazza a ppicule medioevo menopausa mesolitico micologia mietitore Monte Caruso montescaglioso mostra di pittura mostra fotografica Musica dal vivo musica popolare Natale natura neolitico Nicola Martinelli nonni Nur ocra Officine Popolari Lucane OLA OPAC ordinanza organo a canne Padre Pio pala lignea palmenti Pancrazio Toscano Paola Nicolini Paola Russo parcheggio Parrocchia "Maria SS. del Rosario" Pasqua Pasquale Pace passeggiata Passione di Cristo pasta pecorino periodici petrolio picnic Pietro Dommarco Pino Gallo pisconi pitture rupestri poema poesia Pompa Raffaele pranzo preistoria Premio UNPLI presentazione libro presepe presepe vivente prevenzione alcol Prima che tutto accadesse privacy Pro Loco Pro Loco Filiano pubblicazione pubblicità quadri plastici quaresima quotidiani raccolta differenziata Raffaele Pellegrino rassegna stampa re chinghe prete religione Renato Ciavola restauro ricerca libri rinvio Rionero riparo ranaldi riserve antropologiche Roberto Cammarelle Rocco De Rosa Rocco Franciosa Rocco Mancuso Rocco Scotellaro Sagra salsiccia santuari saperebas SBN Scala 40 Scalera scinnandíne scuola scuola dell'infanzia scuola primaria scuola secondaria Sebina segui le tracce Servizio Bibliotecario Nazionale servizio civile shoah sicurezza sindaco solidarietà Sorgente Imperatrice sorgenti Spacciaboschi sponsor sport staccia storia strazzata Tania Lacriola tarantolati telefono tendostruttura testimonianza Tex Willer tintle tiroide tombolata torneo di scopa tozzamuro tradizioni tratturi trekking tressette tumore tumore alla mammella Tuppo dei Sassi turismo UNPLI Unpli Basilicata uova uovo Via Crucis via lucis vice sindaco vino Vitalba Calcio Vito Bochicchio Vito Filippi Vito Sabia vivente volontari del soccorso Walter Carretta web Zétema zucchine zumba

Home Filiano Tradizioni

Le filastrocche

Le filastrocche di un tempo sono lentamente sparite, anche recuperarle non è facile.

La lingua (l'insieme di simboli e suoni per mezzo dei quali gli esseri umani comunicano), è in continua evoluzione, si rinnova, adeguandosi al progresso della società tutta.

Sono soprattutto i giovani che modificano e ampliano il patrimonio linguistico, coniando termini nuovi, prendendo in prestito termini da lingue straniere.

Certo è, che anche in piccoli paesi, nonostante gli adulti siano più conservatori a riguardo, il linguaggio ha subito modifiche notevoli, il dialetto a dire il vero, quasi non esiste più.

Crediamo invece che, con gli opportuni input, i giovani debbano entrare in contatto col dialetto, che, oltretutto, veicola un ricchissimo patrimonio socio-culturale di cui si vanno velocemente perdendo le tracce.

Con un simile approccio, il vantaggio sarebbe duplice, perché le parlate si rinforzerebbero, e i giovani, oltre ad attingere a “nuove” risorse linguistiche, troverebbero consapevolezza della loro identità in quest’epoca di deriva totale.

I contenuti delle filastrocche erano diversi e, diciamo, non erano fondamentali. Le parole venivano messe insieme, soprattutto per ragioni di assonanze.

LE DITA DELLA MANO
pollice : scazza prucchie (schiaccia pidocchi)
indice : lecca piatti (lecca piatti)
medio : fiure re tutte (fiore di tutto, quello che piglia il meglio di tutto)
anulare : fiure r’aniedde (fiore d’anello)
mignolo : mine miniedde (minuto, più piccolo)

FILASTROCCA DELLE DITA
Lu pollice rice: voglie ru pane,
l’indice risponne: pane nu nge n’è,
lu medie assicura: ia n’da l’arcedda
l’anulare vronnela: ma r’aggia ri a mamma,
lu mignole canta: piule piule, la particedda tenghe la chiave ri l’arcedda.

Sante cataure
lieve lu fridde
e mitte lu caure.
Rispose la vecchia ardite:
nu nface caure se nu nvene Sante Vite.
Rispose la vecchia arrabbiate:
nu nface cure se nu nvene Sante Runate.

Quaresima vocca torta
t’haie magnate la mia cumbosta,
t’haie magnate lu mie Natale
puorte lu lutte a Carnevale
Carnevale eglia muort,
so fernute gli maccarune,
la vecchia re facia
se spezzava lu laanatur
vecchie cume a vecchie
nun serve maie (c) chiù,
ie spezzate la capecovola
la chetarre nun sona chiù.

Zomba zumbette
la polva e la s(c)chuppetta,
cuscine a matrazze
la Maronna te piglia ‘mbrazz,
te pigla cu nu prere
te piglia cu nu vrazze
e te mena ‘nda la chiazza.

Marcoffele ‘nda la luna
cu gli piere pennenguluni
cu i mmani ‘nda u’ sacchette
vai sunanne gli frusquietti –
Sandanicola vola vola
porta ddavoglie a la Maronna
la Maronna nun ne vole
Sandanicola sola vola.

La fatiha ri Mannarine
poche prieste lu matine
tutte lu iuorne votta votta
e la sera roie ore ri notte.
Quanne vai pi ti pahà,
scuse ra qua e scuse ra ddà,
a che na lira, chi quinici soleti
manghe ru pane ti puoie accattà.

Scenne menenne vittune cuglienne.
Sciette e meniette vittune cugliette.

San Giuseppe era masterra che facia
buffette e casce senza na malagna.

Ninna nanna, ninna ninarella
lu lupe s’ha magnate la picurella.
E picurella miya cume faciste,
quannni mmocca a lupe ti viristi?
Picurella cume putiste fa?
Quanni lu lupi ti stacya a magna.

Chi ie muort? Minghe tuorte.
Chi l’ha purtate? Minghe sciangate.
Chi ha purtate lupizze? Minghe sauzizza.
Chi l’ha ‘ mbussate? Minghe subbursate.
Chi ha purtate la croce? Minghe re noce.

Zia Vucenza, zia Vucenza
tene tre pulece sopa la panza:
une rorme e n’aute penza,
une pazzeia cu zia Vucenza.

Giuuannina la pezza fina
la pupella re mamma
t’hoie fatte lu uandesine
cu gli soleti re Niculine,
se te sporche la vestina
papà ti batteva, pa, pa, pa.

Ruormi tu figli, pouss’avè furtuna,
puozzi sci auti quandi vai la luna.
Ruormi tu figli, puozzìave onore
puozzi sci auti quandi vai lu Sole.
Ruorme tu figli, mamma toia ti cuna,
inda na naca chiena ri fiure.
Miezz’ a ri rrose ngeglia stu fiore
ruorme tu figli, ia ruata l’ora.

Angeli Angelà
t’haie magnate lu baccalà
t’haie magnate la spina re pesce
Angelì te pozza cresce.

Cola vuoie Cola
‘nge na femmena
ca te vole
ie sotto l’amarena
fusce Cola ca vene mene.
Ie sotta la cerasa
fusce Cola va te la trase.

Lu moneche coppe coppe
truuave na hatta morta,
la feze a fedda a fedda
e la purtave a zio Labbella.
Zia Labella cucinaia
e lu moneche abballaia,
abballaia tunne tunne
cume na cozza re palumme
abballaia chiatte chiatte
cume nu cule re piatte.

Peppe, Peppe, Peppe
haia lassate la casa aperta
so giute gli malandrine
e s’hanne arrubbate a Catarina.
Catarina calarogna
quante mise t’abbisogna,
t’abbisogna quatte mise
Catarina ‘mbaravise.

Ninna nanna ninna nanna
lu suonne l’ha mannate la Maronna.
Ninna ninna, sembe ninna canda
bicchieri r’aia, chine r’acquasanda.
Acquasanda acqua ri lu Signore
ruormi tu zigli, ia ruata l’ore
l’ora di Due, l’ora ri Marie
l’ora ri tutti i Sandi ngum bognie
Ninna, ninna, che eglia la ninna?
Fa lu ripuose ri i piccininne.

FILASTROCCA DELLA FAMIGLIA CORBO
Zia zia zonna,
sotte gnasie e sotte somma,
sotte somma ‘ngè na ninnella,
voie vennemie ri zaccarelle,
zaccarelle e zaccarelline,
fazzulette e mussuline,
mussuline nun è percalle,
mistazzuole nun è taralle,
surriente nun è Pezzuole,
lu chiumm nun è argiente,
la cicala nun è palumme,
ru pepe nun è sale,
lu cotone nun è refe,
re chicozze nun so meluni,
ru mulliche nun so stozze,
la cicoria nun è ardica,
lu sabbete nun è la hrolia,
lu gilè nun è soprabite,
lu Papa nun è re,
la vespa nun è la lapa,
munte cuorve e munte cespe,
re pere nun so sorve,
la pignata nun è ciucculatera,
lu rahu nun è frittata,
santa notte e nulla più.