Grazie al contributo di:

novità agenda

2012 2018 acermontis affascinatura Agromonte alcol alzheimer amicizia anagrafe canina Angelo Raffaele Pace Anna Oxa Anna Rivelli Annamaria Corbo annessione anniversario ANSPI Antonio Bavusi antonio guastamacchia Antonio Salerno Antonio Saluzzi archeologia area di sosta area picnic arte articolo ArtPerformance assemblea assessore Aurelio Pace autonomia comunale AVIS Filiano Banda Osiris banner Basilicata bastoncini di carta befana beneficenza bici biscotto bosco brigantaggio bullismo caccia al tesoro caduti calcio calendario camper campo da tennis campo di calcetto campo scuola campo sportivo cani Cantariedd capitale carabinieri caravan Carmen Pafundi Carmen Santarsiero Carmine Cianciarulo Carmine Crocco Carmine Maio Carnevale celiachia cena cerimonia Chiesa S. Giuseppe chitarra cimitero Cine Foto Gruosso commemorazione concorso fotografico concorso presepe consiglio comunale contributo ConTurBand convegno corso corso di dizione costituzione Crescenzia Lucia Cristina Greco Cristo morto CROB Rionero Croce Rossa Italiana cucia cultura De Ruggieri decennale dialetto dieta Dino Rosa disabilità dislessia dizione Domenico Gruosso don Mariano Spera donatantonio martinelli Donato Imbrenda donne lucane Dragon Folk Dragonetti E...state a Filiano educazione micologica Elena Musci elezioni enogastronomia equitazione escursione escursionismo estate estate a filiano estate ragazzi estrazioni petrolifere etica Fabio Amendolara facebook favole favole a merenda Ferragosto Festa del Libro Festa della Donna Festa Patronale Fiabe lucane Filiano Filiano Music Live fionda flash mob focaccia Forenza formaggio Forum C63 foto fotografia Francesco Cappiello Francesco Cioffredi Francesco D'Adamo Francesco Ranaldi francesco santoro Franco Sabia frittata fumetti fumetto funghi furcedda fustulutat Gesù Gianluca Lagrotta Ginestra giochi giochi tradizionali giornalismo d'inchiesta Giornata regionale Pro Loco giovani Giuseppe Lupo Giuseppe Nella Giuseppe Palumbo Giusi Macchia Gruosso Domenico GSLG handicap I Pisconi i tind'l il castello il ragno importanza della vita internet Iscalunga Istituto Comprensivo Kaotic Souls karate l'arca la furmicula laboratorio creativo Lacerenza Domenico Lacerenza Mariantonietta Lagopesole latticini Lavieri edizioni leggi razziali Lisa Romualdi logo Lu Muzz'c lu panar lu prime muzz'c lu strumele lucia crescenzia Lucia Santarsiero Luciano Colucci Luisa Cherubini maiale mammella manovre di disostruzione Mara Sabia maratona Maria Ad Nives Coviello Maria S.S. del Rosario Maria SS. del Belvedere Matera matera2019 Maurizio Picariello mazza a ppicule medioevo menopausa mesolitico micologia mietitore Monte Caruso montescaglioso mostra di pittura mostra fotografica Musica dal vivo musica popolare Natale natura neolitico Nicola Martinelli nonni Nur ocra Officine Popolari Lucane OLA OPAC ordinanza organo a canne Padre Pio pala lignea palmenti Pancrazio Toscano Paola Nicolini Paola Russo parcheggio Parrocchia "Maria SS. del Rosario" Pasqua Pasquale Pace passeggiata Passione di Cristo pasta pecorino periodici petrolio picnic Pietro Dommarco Pino Gallo pisconi pitture rupestri poema poesia Pompa Raffaele pranzo preistoria Premio UNPLI presentazione libro presepe presepe vivente prevenzione alcol Prima che tutto accadesse privacy Pro Loco Pro Loco Filiano pubblicazione pubblicità quadri plastici quaresima quotidiani raccolta differenziata Raffaele Pellegrino rassegna stampa re chinghe prete religione Renato Ciavola restauro ricerca libri rinvio Rionero riparo ranaldi riserve antropologiche Roberto Cammarelle Rocco De Rosa Rocco Franciosa Rocco Mancuso Rocco Scotellaro Sagra salsiccia santuari saperebas SBN Scala 40 Scalera scinnandíne scuola scuola dell'infanzia scuola primaria scuola secondaria Sebina segui le tracce Servizio Bibliotecario Nazionale servizio civile shoah sicurezza sindaco solidarietà Sorgente Imperatrice sorgenti Spacciaboschi sponsor sport staccia storia strazzata Tania Lacriola tarantolati telefono tendostruttura testimonianza Tex Willer tintle tiroide tombolata torneo di scopa tozzamuro tradizioni tratturi trekking tressette tumore tumore alla mammella Tuppo dei Sassi turismo UNPLI Unpli Basilicata uova uovo Via Crucis via lucis vice sindaco vino Vitalba Calcio Vito Bochicchio Vito Filippi Vito Sabia vivente volontari del soccorso Walter Carretta web Zétema zucchine zumba

Home Filiano Storia

Cenni Storici

Il territorio del Comune di Filiano è stato costantemente abitato dall’uomo, anche se con intensità diverse e per periodi più o meno lunghi sin dal Paleolitico (600 mila anni fa). Gli Aviglianesi, già da secoli, come tramandato dalla tradizione degli Osco-Sabelli, “vicatim vivebant in montibus” avevano iniziato la colonizzazione delle zone circostanti il nucleo urbano di Avigliano, di particolare interesse agricolo. 

Età Moderna

Probabilmente dal 1440, in epoca aragonese, intensificandosi in epoca spagnola (1500 circa) e con l’impulso più marcato dopo il 1612 con l’apertura del feudo di Lagopesole ai coloni da parte del gestore Marcantonio Doria Del Carretto, ebbe inizio la vera costruzione di poveri tuguri o capanne, successivamente divenute i nuclei abitativi (casali) che oggi danno vita alle numerose contrade e frazioni del territorio di Filiano.
Le prime autorevoli testimonianze di tali insediamenti risalgono a cartografie del 1600. La crescita demografica dei centri ebbe un decisivo incremento a partire dal 1806, con la soppressione dei feudi e la progressiva intensificazione dell’agricoltura, condizionata dall’arrivo di nuove colture. Nel 1850, il territorio dei “coloni aviglianesi” poteva contare circa 5000 unità.

La denominazione di Filiano deriva dal soprannome dato alla famiglia Pace, che in quella zona possedeva numerose massariotte. Da alcuni documenti seicenteschi custoditi presso l’Archivio di Stato di Potenza e presso l’Archivio parrocchiale di Avigliano si evince l’esistenza di tale “Filiano di Pace”, cittadino di Avigliano vissuto a cavallo tra XVI e XVII secolo. Come accadeva comunemente all’epoca, un nome inconsueto, finiva per diventare il soprannome della persona che lo portava, e spesso veniva ereditato anche dai discendenti. Tra l’altro, ciò tornava particolarmente utile quando serviva a contraddistinguere tra loro i diversi ceppi di famiglie aventi lo stesso cognome. Ed è proprio ciò che accade  ai successori dei “Filiano”, i quali, nell’ambito delle famiglie Pace, all’epoca già molto numerose, vengono identificati col soprannome di “Filiano”. I Pace-Filiano partecipano attivamente alla colonizzazione del feudo di Lagopesole da parte degli aviglianesi, promossa dai principi Doria, e prendono in fitto i terreni ubicati nelle adiacenze dell’attuale centro abitato, il quale, verso la metà del ‘700 aveva già assunto la denominazione di “Contrada delli Filiani”, ove erano concentrate le capanne e piccole masserie di Nicolò, Leonardo, Vito Donato, Pietro, Antonio, Giuseppe e Angelo Pace, soprannominati “Filiani”. Il soprannome “Filiani”, molto probabilmente era legato all’attività che questi coloni magistralmente effettuavano, deriverebbe dalla “filatura della lana”, che è direttamente conseguente all’allevamento degli ovini. 
Nella prima metà dell’Ottocento nella contrada si stabiliscono anche altre famiglie, viene costruita la chiesa intitolata al S.S. Rosario (1830), ed essa si ingrandisce fino a raggiungere i 400 abitanti intorno al 1850, tanto da essere citata persino nel “Dizionario geografico-storico-statistico” di Achille Moltedo, edito nel 1858. L’affermarsi di “Filiano” come toponimo identificativo della principale frazione di Avigliano, finisce col sostituirsi definitivamente all’originario ruolo di soprannome della famiglia Pace, che, tuttavia, resiste per quasi tutto il corso dell’Ottocento. In quel secolo la borgata conosce un forte sviluppo, testimoniato dalla continua presenza in mappe catastali rappresentanti le proprietà di alcuni suoi cittadini, come, ad esempio, quelle delle “Aie di Pace” (1836).

Il Comune

Filiano fino al 1951 era frazione di Avigliano.
La causa di separazione di Filiano da Avigliano ha inizio nel 1948, quando alcuni maestri della locale scuola elementare si riuniscono dando vita ad un comitato promotore con a capo Angelo Raffaele Pace.

La resistenza

L’iniziativa incontra la forte resistenza di Avigliano che non intende perdere le tasse connesse all’essere Filiano una sua frazione.
Ma la “Gazzetta ufficiale” del 13 settembre 1951 recita: “Le frazioni di Filiano, Sterpito e Dragonetti del Comune di Avigliano sono costituite in Comune autonomo, con la circoscrizione territoriale risultante dalla pianta planimetrica e dalla relazione descrittiva dei confini annesse al presente decreto. Il Comune deve assumere la denominazione di 'Filiano'. Firmato Luigi Einaudi, Presidente della Repubblica”.
Il 1° gennaio 1952 diviene Comune  autonomo cessando così, dopo secoli, di far parte di quel vasto territorio della “nazione Aviglianese”, conservandone cultura e tradizione.