Grazie al contributo di:

novità agenda

2012 2018 acermontis affascinatura Agromonte alcol alzheimer amicizia anagrafe canina Angelo Raffaele Pace Anna Oxa Anna Rivelli Annamaria Corbo annessione anniversario ANSPI Antonio Bavusi antonio guastamacchia Antonio Salerno Antonio Saluzzi archeologia area di sosta area picnic arte articolo ArtPerformance assemblea assessore Aurelio Pace autonomia comunale AVIS Filiano Banda Osiris banner Basilicata bastoncini di carta befana beneficenza biblioteca bici biscotto bosco brigantaggio bullismo caccia al tesoro caduti calcio calendario camper campo da tennis campo di calcetto campo scuola campo sportivo cani Cantariedd capitale carabinieri caravan Carmen Pafundi Carmen Santarsiero Carmine Cianciarulo Carmine Crocco Carmine Maio Carnevale celiachia cena cerimonia Chiesa S. Giuseppe chitarra cimitero Cine Foto Gruosso commemorazione concorso fotografico concorso presepe consiglio comunale Consorzio Pro Loco contributo ConTurBand convegno corso corso di dizione costituzione Crescenzia Lucia Cristina Greco Cristo morto CROB Rionero Croce Rossa Italiana cucia cultura De Ruggieri decennale dialetto dieta Dino Rosa disabilità dislessia dizione Domenico Gruosso don Mariano Spera donatantonio martinelli Donatella Oppido Donato Imbrenda donne lucane Dragon Folk Dragonetti E...state a Filiano educazione micologica Elena Musci elezioni enogastronomia equitazione escursione escursionismo estate estate a filiano estate ragazzi estrazioni petrolifere etica Fabio Amendolara facebook favole favole a merenda Ferragosto Festa del Libro Festa della Donna Festa Patronale Fiabe lucane Filiano Filiano Music Live fionda flash mob focaccia Forenza formaggio Forum C63 foto fotografia Francesco Cappiello Francesco Cioffredi Francesco D'Adamo Francesco Ranaldi francesco santoro Franco Sabia frittata fumetti fumetto funghi furcedda fustulutat Gesù Gianluca Lagrotta Ginestra giochi giochi tradizionali giornalismo d'inchiesta Giornata regionale Pro Loco giovani Giuseppe Lupo Giuseppe Nella Giuseppe Palumbo Giusi Macchia Gruosso Domenico GSLG handicap I Pisconi i tind'l il castello il ragno importanza della vita internet Iscalunga Istituto Comprensivo Kaotic Souls karate l'arca la furmicula laboratorio creativo Lacerenza Domenico Lacerenza Mariantonietta Lagopesole latticini Lavello Lavieri edizioni leggi razziali lettura Lisa Romualdi logo Lu Muzz'c lu panar lu prime muzz'c lu strumele lucanum lucia crescenzia Lucia Santarsiero Luciano Colucci Luisa Cherubini maiale mammella manovre di disostruzione Mara Sabia maratona Maria Ad Nives Coviello Maria S.S. del Rosario Maria Santarsiero Maria SS. del Belvedere Matera matera2019 Maurizio Picariello mazza a ppicule medioevo menopausa mesolitico micologia mietitore Monte Caruso montescaglioso mostra di pittura mostra fotografica Museo Carpini Museo Civico Antiquarium Musica dal vivo musica popolare Natale natura neolitico Nicola Martinelli nonni Nur ocra Officine Popolari Lucane OLA OPAC ordinanza organo a canne Padre Pio pala lignea palmenti Pancrazio Toscano Paola Nicolini Paola Russo parcheggio Parrocchia "Maria SS. del Rosario" Pasqua Pasquale Pace passeggiata Passione di Cristo pasta pecorino periodici petrolio picnic Pietro Dommarco Pino Gallo pisconi pitture rupestri poema poesia Pompa Raffaele pranzo preistoria Premio UNPLI presentazione libro presepe presepe vivente prevenzione alcol Prima che tutto accadesse privacy Pro Loco Pro Loco Filiano pubblicazione pubblicità quadri plastici quaresima quotidiani raccolta differenziata Raffaele Pellegrino rassegna stampa re chinghe prete religione Renato Ciavola restauro ricerca libri rinvio Rionero riparo ranaldi riserve antropologiche Roberto Cammarelle Rocco De Rosa Rocco Franciosa Rocco Mancuso Rocco Scotellaro Sagra salsiccia santuari saperebas SBN Scala 40 Scalera scinnandíne scuola scuola dell'infanzia scuola primaria scuola secondaria Sebina segui le tracce Servizio Bibliotecario Nazionale servizio civile shoah sicurezza sindaco solidarietà Sorgente Imperatrice sorgenti Spacciaboschi sponsor sport staccia storia strazzata Tania Lacriola tarantolati telefono tendostruttura testimonianza Tex Willer tintle tiroide tombolata torneo di scopa Touring Club Italiano tozzamuro tradizioni tratturi trekking tressette tumore tumore alla mammella Tuppo dei Sassi turismo UNPLI Unpli Basilicata uova uovo Via Crucis via lucis vice sindaco vino Vitalba Calcio Vito Bochicchio Vito Filippi Vito Sabia vivente volontari del soccorso Walter Carretta web Zétema zucchine zumba

Home Filiano Tradizioni

I costumi

l costume tipico degli abitanti di Filiano ero lo stesso degli aviglianesi indossato ancora da qualche nonnina.

Gli uomini indossavano pantaloni di felpa lunghi fino al ginocchio, le gambe erano coperte da uose di panno pesante.

Sulla camicia indossavano il gilè e la giacca corta.

Nei mesi freddi indossavano il cappotto a mantello (a rusta).

I pastori, invece, portavano giacche di pelle di pecora e di capra i cosiddetti “porzoni”.

Gran parte degli abiti venivano cuciti dalle stesse donne di casa che spesso erano in grado da sole di tessere il lino o la lana.

Solo alla fine del XIX sec. il vestito maschile era confezionato il fustagno o il velluto.

La calzatura tipica era costituita dagli “zampitti” fatti di una suola di cuoio e da una tela grossolana che veniva attorcigliata al collo del piede e legata con piccole funicelle dette “caridi”.

Il costume delle donne era costituito da una lunga gonna di bordiglione scuro, da una camicia di cotone a maniche lunghe e larghe tutte guarnite di pizzi e merletti da un corpetto a manica corta decorata, da un caratteristico copricapo “la tuaglia” di panno colorato o di seta nei giorni festivi.

Ecco alcuni dettagli del costume femminile:

- “lu pann” : scialle grande generalmente uno verde e uno nero;

- “lu scialle” : fazzoletto di lana con la frangia per coprire le spalle;

- “la tuàglia” : copricapo dell’antico costume con una stecca all’interno, con spilla per fermarla, di colore bianco sotto e sopra di colori vari;

- “lu ippone” : gilè femminile decorato con larghe maniche;

- “lu camm’sin” : camicetta bianca ed ornata di merletti;

- “lu pann r’attuorn” : fascia davanti di colore rosso, nero per il lutto;

- “lù sciusc’” : gonna lunga che dalla cintola scendeva fino alle calcagna, ricca di pieghe;

- “lu vand’sin” : grembiule.

Particolare attenzione veniva posto nel corredo del neonato e nel modo di vestirlo era molto differente dal nostro.

Il corredo veniva chiamato “nfa(s)cianna” un insieme di pannolini (lu fasciatur), bavette, berretti, coperte, “vavarola” (maglia intima) e “fasce” che servivano a vestire il bambino.

Compenevano le fasce la fasciatura di cotone (lu fasciatur), la fasciatura di fustagno, la fasciatura di lana, le fasce vere e proprie che erano una striscia lunga di stoffa che veniva avvolta attorno al neonato e infine il coprifasce.

Le fasce avevano l’uso di pannolini e lo scopo di prevenire le malattie scoliotiche del neonato.

Quando il bambino diventava più grande gli si mettevano le “cauziette a braglie” una specie di tuta composta da calze, corpetto e braccie che le donne confezionavano con la lana e con i ferri da calza lasciando le aperture per i bisogni corporali.

Ecco alcuni disegni di oggetti o indumenti usati per la NF(S)CIANA :

"Bambinell"  : veste battesimale del neonato indossato sopra la "nfa(s)ciana"

Cacciavrazze

   

Vavarola

Copri fasce

   

Copricuscino

Particolare del disegno intessuto nella stoffa della fascia del neonato

   

Disegno del ricamo del lenzuolo