Grazie al contributo di:

novità agenda

2012 2018 acermontis affascinatura Agromonte alcol alzheimer amicizia anagrafe canina Angelo Raffaele Pace Anna Oxa Anna Rivelli Annamaria Corbo annessione anniversario ANSPI Antonio Bavusi antonio guastamacchia Antonio Salerno Antonio Saluzzi archeologia area di sosta area picnic arte articolo ArtPerformance assemblea assessore Aurelio Pace autonomia comunale AVIS Filiano Banda Osiris banner Basilicata bastoncini di carta befana beneficenza biblioteca bici biscotto bosco brigantaggio bullismo caccia al tesoro caduti calcio calendario camper campo da tennis campo di calcetto campo scuola campo sportivo cani Cantariedd capitale carabinieri caravan Carmen Pafundi Carmen Santarsiero Carmine Cianciarulo Carmine Crocco Carmine Maio Carnevale celiachia cena cerimonia Chiesa S. Giuseppe chitarra cimitero Cine Foto Gruosso commemorazione concorso fotografico concorso presepe consiglio comunale Consorzio Pro Loco contributo ConTurBand convegno corso corso di dizione costituzione Crescenzia Lucia Cristina Greco Cristo morto CROB Rionero Croce Rossa Italiana cucia cultura De Ruggieri decennale dialetto dieta Dino Rosa disabilità dislessia dizione Domenico Gruosso don Mariano Spera donatantonio martinelli Donatella Oppido Donato Imbrenda donne lucane Dragon Folk Dragonetti E...state a Filiano educazione micologica Elena Musci elezioni enogastronomia equitazione escursione escursionismo estate estate a filiano estate ragazzi estrazioni petrolifere etica Fabio Amendolara facebook favole favole a merenda Ferragosto Festa del Libro Festa della Donna Festa Patronale Fiabe lucane Filiano Filiano Music Live fionda flash mob focaccia Forenza formaggio Forum C63 foto fotografia Francesco Cappiello Francesco Cioffredi Francesco D'Adamo Francesco Ranaldi francesco santoro Franco Sabia frittata fumetti fumetto funghi furcedda fustulutat Gesù Gianluca Lagrotta Ginestra giochi giochi tradizionali giornalismo d'inchiesta Giornata regionale Pro Loco giovani Giuseppe Lupo Giuseppe Nella Giuseppe Palumbo Giusi Macchia Gruosso Domenico GSLG handicap I Pisconi i tind'l il castello il ragno importanza della vita internet Iscalunga Istituto Comprensivo Kaotic Souls karate l'arca la furmicula laboratorio creativo Lacerenza Domenico Lacerenza Mariantonietta Lagopesole latticini Lavello Lavieri edizioni leggi razziali lettura Lisa Romualdi logo Lu Muzz'c lu panar lu prime muzz'c lu strumele lucanum lucia crescenzia Lucia Santarsiero Luciano Colucci Luisa Cherubini maiale mammella manovre di disostruzione Mara Sabia maratona Maria Ad Nives Coviello Maria S.S. del Rosario Maria Santarsiero Maria SS. del Belvedere Matera matera2019 Maurizio Picariello mazza a ppicule medioevo menopausa mesolitico micologia mietitore Monte Caruso montescaglioso mostra di pittura mostra fotografica museo Museo Carpini Museo Civico Antiquarium Musica dal vivo musica popolare Natale natura neolitico Nicola Martinelli nonni Nur ocra Officine Popolari Lucane OLA OPAC ordinanza organo a canne Padre Pio pala lignea palmenti Pancrazio Toscano Paola Nicolini Paola Russo parcheggio Parrocchia "Maria SS. del Rosario" Pasqua Pasquale Pace passeggiata Passione di Cristo pasta Patrizia Del Puente pecorino periodici petrolio picnic Pietro Dommarco Pino Gallo pisconi pitture rupestri poema poesia Pompa Raffaele pranzo preistoria Premio UNPLI presentazione libro presepe presepe vivente prevenzione alcol Prima che tutto accadesse privacy Pro Loco Pro Loco Filiano pubblicazione pubblicità quadri plastici quaresima quotidiani raccolta differenziata Raffaele Pellegrino rassegna stampa re chinghe prete religione Renato Ciavola restauro ricerca libri rinvio Rionero riparo ranaldi riserve antropologiche Roberto Cammarelle Rocco De Rosa Rocco Franciosa Rocco Mancuso Rocco Scotellaro Sagra salsiccia santuari saperebas SBN Scala 40 Scalera scinnandíne scuola scuola dell'infanzia scuola primaria scuola secondaria Sebina segui le tracce Servizio Bibliotecario Nazionale servizio civile shoah sicurezza sindaco solidarietà Sorgente Imperatrice sorgenti Spacciaboschi sponsor sport staccia storia strazzata Tania Lacriola tarantolati telefono tendostruttura testimonianza Tex Willer tintle tiroide tombolata torneo di scopa Touring Club Italiano tozzamuro tradizioni tratturi trekking tressette tumore tumore alla mammella Tuppo dei Sassi turismo Unibas UNPLI Unpli Basilicata uova uovo Via Crucis via lucis vice sindaco vino Vitalba Calcio Vito Bochicchio Vito Filippi Vito Sabia vivente volontari del soccorso Walter Carretta web Zétema zucchine zumba

Home Filiano Territorio

Sterpito di sotto

Sterpito di Sotto a quota  657 m.  s.l.m., è situato  lungo una dorsale  di conglomerati rossastri subpianeggiante, i cui versanti sono solcati dal Torrente Sterpeto e dal Torrente Giannattasio.

I fabbricati della frazione sono prevalentemente in muratura di pietra calcarea scalpellata a faccia vista e si sviluppano lungo due vie parallele, interrotte da una piazza al cui centro si erge  un albero di  tiglio; le traverse delle vie sono dedicate ai filosofi. Lungo la via principale sono diffusi alberi di cerri, acacie, abeti, “nucipriesc” e da vigneti. I materiali per le costruzioni sono stati prelevati nell’alveo del Torrente, infatti fino ai primi anni del 900 si ricordano i luoghi  delle cave dove si recavano gli abitanti-scalpellini per abbozzare le pietre.

Nel 1961 vi si è costruita la scuola elementare con annesso alloggio per l’insegnante, ristrutturata dopo il sisma del 1980, ha perso la funzione di scuola ed è diventato un edificio pubblico al servizio della comunità.

Molto probabilmente la più antica presenza sul territorio di una chiesa è attribuita al Casale di Sterpito. La vecchia Chiesa fu gravemente danneggiata dallo smottamento del suolo, che nel 1929 vide coinvolto una enorme porzione di territorio, che dal versante N di Monte Caruso e fino a coinvolgere i terreni dell’abitato. Ricostruita negli anni 30 del secolo scorso, circa 100 m. più ad ovest del precedente sito, su un lembo di terra più stabile, con pietre scalpellate ed un campanile, presentava al suo interno degli intonaci affrescati. Nel 1975-76, una valutazione tecnico-economica ha fatto preferire la demolizione della chiesetta perché ormai instabile e con enormi lesioni sulle pareti a causa del deterioramento dei materiali poveri utilizzati per costruirla, con la ricostruzione di quella nuova in cemento armato. Essa è dedicata a S. Antonio da Padova la cui festa è celebrata con grande solennità, e con il concorso degli abitanti di tutte le frazioni limitrofe. Si festeggia il 13 giugno con rito religioso; la processione, che accompagna la statua di S. Antonio, si svolge  per la via principale fino a Sterpito di Sopra, attraversando Giannattasio e Capanne Rinaldi.

Nel 1880 la popolazione del casale di Sterpito, contava circa 200 abitanti e viveva di agricoltura e allevamento di ovini. I quali allevatori hanno tramandato l’arte del casaro fino a far divenire il Pecorino di Filiano marchio D.O.P. e ambasciatore della Regione Basilicata.

AGGREGAZIONE DEL CASALE DI STERPITO AL COMUNE DI AVIGLIANO

Al Deputato Fortunato, Rionero

                                                                
                                                           S. Ilario (Atella), 18 maggio 1880

Onorevole don Giustino,

non vi sorprenda che, tra’ primi, se non addirittura il primo, io vi scriva, dandovi il titolo proprio de’ deputati al parlamento, che ora, dopo la votazione di ieri l’altro, vi spetta, per chiedere la efficace vostra opera in favore di duecento poveri campagnoli, abitanti sopra quest’ultimo alpestre lembo dell’or vostro Collegio di Melfi.
Voi, forse, non avrete dimenticato il modesto vice-parroco, che sono io, di questa frazione di S.Ilario, la più popolosa del Comune di Atella, a cui tocca in pari tempo di compiere il mistero sacerdotale in un’altra qui prossima, lo Sterpito, composta di soli contadini non originari di Atella, tra noi residenti solo per  necessità di locazione agricola. Si tratta di povera e buonissima gente, desiderosa e bisognosa di essere aggregata col  po’ di terra da essi coltivata, al comune loro, di nascita e di elezione, Avigliano.
Le due volte che, di ritorno dalle pedestri gite al santuario di Pierno ed a’ bagni di San Cataldo, vi piacque di gradire la mia ospitalità, e insieme ci recammo allo Sterpito, lassù, ricorderete, io vi presentai i due coloni che fanno da capoccia, Giuseppe Trotta e Giuseppe Mecca alias Cerruta, vi è noto, come il maggior numero degli abitanti i casali di Avigliano, i quali vivacemente, e insistentemente anche, vi espressero voti per l’appagamento dell’antico e perenne lor desiderio. Ebbene, essi si sono affrettati a venire stamane da me, - ed essi proprio vi recheranno, dopo mezzodì, a Rionero, questa mia lettera, - perché io non avessi indugiato di un giorno a pregarvi, anch’io, di far vostra la onesta loro causa or che voi, nuovo eletto alla camera, potete e dovete assumerne il patrocinio, fortunatamente non più contrastato, come per lo innanzi, dalla stessa rappresentanza di Atella. Non più che due mesi addietro, il 16 marzo, unanimemente quel Consiglio Comunale, composto da rioneresi, ha, infatti, aderito al distacco della frazione di Sterpito, e, quindi, alla sua annessione ad Avigliano: occorre non più che il parere favorevole del Consiglio Provinciale, che tutto fa sperare non debba mancare in una delle prime sue tornate della sessione autunnale.
L’on. Imperatrice, rieletto per la terza volta a deputato del Collegio di Acerenza, del quale è tanta parte Avigliano, ha già nuovamente promesso tutto il suo appoggio, affinché l’intento sia raggiunto mediante apposito disegno di legge, cui senza dubbio Governo e Parlamento faranno buon viso. Basterà, dunque, il buon volere vostro, carissimo don Giustino, e l’amichevole sollecita vostra intesa col collega on. Imperatrice, cognato dell’avvocato don Leonardo Montesano, patrocinatore di vostra famiglia, per venirne sollecitamente a capo. E godrete di aver fatto del bene a umili contadini, non ancora elettori, ma a voi devoti.
Molto a me è rincresciuta l’astensione dalle urne degli atellani, che portano, voi sapete, il broncio a’ rioneresi per il fatto del predominante lor numero nelle elezioni del Comune. Io, - già ve lo dissi, che son nativo di San Fele, e qui venni nel maggio del 1876, perché soltanto allora questa Chiesa di S. Ilario ottenne, dal vescovo di Melfi, il fonte battesimale, e solo due anni dopo Monsignor Camassa a questa mia chiesa aggregò le frazioni , nonché di Sterpito, di Filiano, Lagopesole ed Inforchia. Se mai gli anni mi costringeranno al riposo, non qui o ad Atella io rimarrò, né tornerò a San Fele, dove non ho più parenti stretti: mi ridurrò a Muro Lucano, in cui ha preso dimora l’unico ed ultimo de’ miei nipoti.
Abbiatemi sempre a voi devotissimo
                      

Don  VITO RADICE

DISEGNO DI LEGGE, d’iniziativa de’ deputati Imperatrice e Fortunato, approvato alla Camera il 23 marzo e dal Senato il 5 maggio, sanzionato con Legge 25 giugno 1882.

Art. 1

Dal 1° luglio 1882 la borgata Sterpito cesserà di far parte del comune di Atella, e sarà aggregata al comune di Avigliano per tutti i rapporti amministrativi e giudiziari.

Art. 2

Il governo del Re è autorizzato a provvedere con decreto reale alla esecuzione della presente legge.